Pubblicità
HomeCalabriaCalabria. Criticavano i metodi leghisti: espulsi dai leghisti due esponenti leghisti

Calabria. Criticavano i metodi leghisti: espulsi dai leghisti due esponenti leghisti

di P.M.M., #Politica

Colpevoli di avere criticato i metodi leghisti, due esponenti leghisti sono stati espulsi dai leghisti della Lega di Salvini: protagonisti della trista storia di epurazione leghista gli esponenti del partito avvocato Giancarlo Cerrelli e la consigliera comunale Marisa Luana Cavallo. La loro colpa? Avere fatto avere alla stampa una lettera aperta indirizzata a Matteo Salvini nella quale i due esponenti criticavano il lavoro del neo commissario provinciale Cataldo Calabretta.

Il provvedimento di espulsione porta la doppia firma del commissario regionale Giacomo Francesco Saccomanno e del commissario provinciale Cataldo Calabretta, ai quali non dev’essere andata giù la critica contenuta nella lettera aperta firmata da 25 persone (lettera che potete leggere al link del quotidiano www.crotone24news.it/ che dipinge un “partito allo sbando“.

Alla base dell’espulsione “la lettera aperta inviata a Matteo Salvini e trasmessa a tutti i social della Calabria” secondo i commissari “epilogo di una condotta oltremodo lesiva del partito, irriguardosa e comunque contenente considerazioni non corrispondenti agli effettivi accadimenti”. Evidentemente nella Lega di Salvini dissenso e diritto di critica sono considerati comportamenti irriguardosi. E se la Lega è commissariata dev’essere per le cattiverie della gente.

 

(1 giugno 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 




Pubblicità

I PIù LETTI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: