Corruzione al Comune di Foggia: tra gli arrestati il 66enne consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Longo

Condividi

di Redazione, #Foggia

Il vizietto di troppi esponenti di Fratelli d’Italia d fare affari poco chiari, rispunta – non certo per direttive partitiche, forse per troppa superficialità nell’indicare ed accettare candidati che non si conoscono bene  – ed è un vero e proprio terremoto quello che schiaffeggia il Comune di Foggia.

Agli arresti, scrive Repubblica, sono finiti Bruno Longo, 66enne consigliere comunale di Fratelli d’Italia; Antonio Apicella, medico in pensione di 70 anni;  Luigi Panniello, imprenditore 57enne molisano che opera nel settore informatico; Antonio Parente, addetto al servizio informatico del Comune di Foggia. L’ipotesi di reato è induzione indebita a dare o promettere  utilità, relativamente ad una presunta tangente da 35mila euro, pagata in tre tranche tra il 2018 e il 2019. La gara oggetto dell’indagine è stata aggiudicata nel 2017, con durata annuale poi prorogata di altri 18 mesi e per un valore  complessivo di 370mila euro.

Mentre potete avere maggiori informazioni qui, tocca ricordare – e non fa piacere – i numerosi episodi di arresti tra esponenti di Fratelli d’Italia al sud: in Calabria, insieme a leghisti, con purtroppo infiltrazioni ‘ndranghetiste di un certo peso. Una tegola in testa vera e propria ora che la leader Meloni ha deciso di inaugurare il nuovo corso dell’opposizione patriottica.

E quegli scriteriati del centrosinistra hanno il coraggio di chiedere le dimissioni del Sindaco di Foggia. Ora tocca alla Giustizia che, siamo certi, farà il suo corso e restituirà la verità dei fatti e delle responsabilità.

 

(10 febbraio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 



Pubblicità

I PIU' LETTI

Potrebbero interessarti

Elezioni, Gaynet: “Destra non rappresenta Paese reale, reagire nella società e nelle piazze

di Paolo M. Minciotti “Astensionismo record ed errori nel fronte progressista hanno spianato la strada a Meloni, ma la...

In Sicilia M5S e De Luca arginerebbero [sic] le destre

di Daniele Santi Sono dati provvisori, ma non sono nemmeno delle sorprese. Schifani delle destre sarebbe in testa, con De Luca...

Al comizio di Meloni a Palermo la Polizia carica: tra chi contesta soprattutto ragazze

di Giovanna Di Rosa Manifestavano a favore della loro libertà di scegliere per la 194, duramente sotto attacco in maniera silente,...

La sindrome da accerchiamento delle destre meloniane e il dito puntato contro Lamorgese

di Giancarlo Grassi Dato che nelle destre senza una proposta sensata tutto fa brodo e tutto chiama voti, nell'ultima settimana di...
Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: