Meloni d’Italia dice “No” a Draghi, Berlusconi dice “sì”, la Lega per il “Ni”: la granitica unità della destra caciarona

Condividi




di Giovanna Di Rosa, #Lopinione

Chissà come faranno a vendere la granitica unità della destra estrema e caciarona se non troveranno la maniera di ricomporsi dopo essere tornati dal mercato a mani vuote e obbiettivi confusi. La questione Draghi sta mettendo a dura prova l’immobilismo propagandistico di una politica che non ha nulla da dire e, nel caso tutto vada come deve, messa in sicurezza dell’Italia inclusa, farà a pezzi anche il tessuto gravido di virus populista costituito dalla perenne instabilità italiana abilmente costruito dalla propaganda dell’estrema destra fratellitaliana e leghista.

Meloni ha detto “no”, mica perché ce l’abbia con Draghi, ma deve superare Salvini a destra e nelle intenzioni di voto e l’opposizione le fa gioco; Berlusconi ha detto “Sì” perché se avrà tempo potrebbe ancora sperare di fare un salto al Quirinale passando dalla porta principale; Salvini e la Lega dicono “Ni” perché ci sono Salvini, Giorgetti e Zaia (la vera macchina da voti leghista) e ognuno ha la sua posizione.

Eccola la granitica unità della destra estrema ed istituzionale a giorni alterni che viene venduta su tutti i canali televisivi e sui giornali diretti dai civil servant messi lì all’uopo. Certo, come succede al M5S con Grillo, toccherà all’uomo di Arcore, ora Silvio da Nizza, tuonare dall’alto del suo essere sempre e comunque il Capo, finché avrà fiato. E rimettere al loro posto i monellacci. Tra i populisti inconcludenti e caciaroni a cui serve un capo che li bacchetti.

 

(5 febbraio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 




Pubblicità

I PIU' LETTI

Potrebbero interessarti

Masseria Antonio Esposito Ferraioli, senatore Ruotolo: “Chi tocca questo bene confiscato, tocca noi tutti”

di Redazione Napoli Un presidio fisico della Masseria Antonio Esposito Ferraioli, il bene confiscato alla camorra più importante dell'area...

Luigi Di Maio: “Dopo la performance della trasferta in Polonia, forse andare anche a Mosca…. Con Putin ci parla Draghi”

di Daniele Santi E' leggerissimamente ironica il ministro degli Esteri Di Maio dal palco di Manduria, ospite di Bruno Vespa, e...

Catanzaro. Il candidato sindaco Donato: “Non salirei sul palco con Salvini”

di Daniele Santi Già passare dal PD al civismo con una lista sostenuta da Lega e Forza Italia, mentre dall'altra...

Ettore Rosato in Calabria il 28 maggio

di Redazione Politica Il 28 maggio, il Presidente di Italia Viva Ettore Rosato nei comuni della Calabria al voto....
Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: