Pubblicità
25.3 C
Napoli
18.9 C
Palermo
24.6 C
Cagliari
Attiva DAZN
Pubblicità
HomeComune di NapoliComune di Napoli. In commissione confronto per il futuro del centro Na.Gio.Ja

Comune di Napoli. In commissione confronto per il futuro del centro Na.Gio.Ja

In dirittura di arrivo il bando per l’affidamento della gestione del centro giovanile Centro Giovanile Na.Gio.Ja. nel quartiere di Soccavo. L’annuncio è dell’assessora alle politiche giovanili Chiara Marciani intervenuta nel corso della riunione della Commissione Politiche Giovanili, presieduta da Luigi Musto. L’auspicio dell’assessora è che vi sia grande partecipazione delle associazioni giovanili e che si faccia rete al fine di riuscire a far convivere le diverse competenze sul territorio. Inoltre ha aggiunto che è intenzione dell’amministrazione procedere all’avvio delle procedure di affidamento per i centri giovanili i cui contratti con i concessionari sono in scadenza a settembre. Il presidente Musto Musto ha evidenziato che l’assorato e gli uffici, nonostante la mancanza di personale, sono riusciti a lavorare tanto nell’ultimo anno e mezzo, sciogliendo diversi nodi sia per un nuovo approccio alla gestione dei centri giovanili, sia per i bandi del servizio civile. Ovviamente con l’arrivo di nuove risorse umane, l’impegno sul territorio dovrà necessariamente aumentare.

Rosario Palumbro (Cambiamo!) ha sottolineato, in vista della pubblicazione del bando, l’importanza di incentivare l’attività di network tra realtà giovanili, mentre Alessandra Clemente (Misto) ha apprezzato il risultato, raggiunto dopo aver compulsato più volte l’amministrazione e gli uffici per vedere la luce. Va ricucito, poi, il rapporto con le realtà associative, ha aggiunto Clemente, che sono state preziose per la città di Napoli durante il periodo del covid per il lavoro svolto. Infine ha chiesto di verificare la presenza e l’eventuale quantificazione di danni causati dalla chiusura del centro Na.Gio.Ja per oltre un anno e mezzo.

 

(23 maggio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 



POLITICA