Pubblicità
12 C
Napoli
7.8 C
Palermo
12.8 C
Cagliari
Attiva DAZN
Pubblicità
HomeNotizieAnche Mara Carfagna sbatte la porta: Forza Italia in rottamazione

Anche Mara Carfagna sbatte la porta: Forza Italia in rottamazione

di Redazione Politica

E alla fine anche Mara Carfagna, ministra per il Sud, proprio quel Sud che tanto i sovranisti quanto i populismi contiani hanno lasciato dietro di loro dimenticandosene – basti guardare al PNRR che privilegia il Nordlascia Forza Italia, la nuova Forza Italia sovranista del Berlusconi che getta la maschera, per chi non l’avesse visto bene prima.

“No a salti nel buio, il Paese prima di tutto”, dice Carfagna a Repubblica, in un’intervista nella quale continua senza pietà – “Neppure consultati sulla crisi del governo di salvezza nazionale. Scelta irresponsabile di cui bisogna prendere atto” – a dire tutto ciò che c’è da dire sulla spinta illiberale e antieuropea del disegno Meloni-Salvini-Berlusconi, disegno nascosto dalle continue ed inutili grida su chi sarà premier – come se non si fossero già accordati. Ma c’è bisogno di riempire pagine e televisioni e come Berlusconi e le sue corazzate insegnano dagli anni ’80 non c’è maniera migliore di non dire nulla che riempire di contenuti: generalmente inutili.

Se tette e culi alla Drive In possono essere definiti contenuti.

L’intervista a Carfagna è molto interessante. Parla di “applausi di Putin alla crisi” e di ” centinaia di messaggi di sindaci e imprenditori che da giorni mi dicono “ma siete impazziti?”, ricorda come per “quattro anni” – le cronache lo hanno sempre riportato – “mi sono battuta all’interno del partito per difendere la sua collocazione europeista, occidentale e liberale, dall’abbraccio del sovranismo”. Il dado è (sembra) tratto.

Le destre (questo continuo definirle centrodestra, è antistorico oltre che bugiardo) hanno detto all’Italia quello che sono. Con chiarezza. basta andare ad ascoltare gli interventi di leghisti e forzisti in parlamento contro Draghi che non avevano nessun costrutto politico che non fosse la vendetta del lillipuziano contro colui al quale non ci si può nemmeno paragonare. Che dentro Forza Italia se ne accorgano e se ne vadano è un segnale profondo di cambiamento. Finché dura.

 

(26 luglio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 



POLITICA