20.9 C
Napoli
lunedì, Ottobre 18, 2021
Pubblicità
HomeCopertina SudIl giorno in cui in Sicilia vinsero tutti. Soprattutto chi ha perso...

Il giorno in cui in Sicilia vinsero tutti. Soprattutto chi ha perso…

di D.S., #politica

E venne il giorno delle amministrative anche in Sicilia, un giorno speciale per la politica dell’isola, reso ancora più speciale perché reso unico dalle dichiarazioni di coloro che hanno vinto, cioè tutti i vincitori che si dichiarano vincitori, soprattutto se hanno perso.

Nell’antico solco del cambia tutto perché nulla cambi e tutto resti come prima si è assistito a tracimazioni di voti di qua che son passati di là, di partiti che da fasti a due cifre sono tornati a un cifra virgola un po’ ed altri che invece riescono nello stesso straordinario esercizio di perdo/vinco nel giro di poche decine di chilometri.

Vince la Lega, anche se ha perso voti, vince Forza Italia che perde voti e comuni, vince addirittura Lorenzo Cesa che si dà al 10% in molti comuni (ma non specifica con sicurezza quali), vince il PD, vince il M5S, vince FdI, insomma vincono tutti. E, vi chiederete voi, se vincono tutti chi è che ha perso?

Hanno perso quelli che hanno perso in un luogo specifico, ma che hanno vinto in un altro e quindi non hanno perso, ma hanno vinto. Ad esempio la DC, ma anche l’UDC, o il PD, o la Lega, o il M5S (che almeno però ha il buon gusto di evitare i trionfalismi) e poi i vecchi tromboni che tornano sotto mentite spoglie, e ci sarebbe anche un supertonfo dell’attuale presidente della Regione e della suo cerchia di fedelissimi piazzati di qua e di là.

Traccia un ritratto spietato della tornata elettorale un articolo de La Sicilia che vi consigliamo di leggere, soprattutto se avete senso dell’umorismo.

 

(14 ottobre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

I PIù LETTI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: