Violenza carcere: interrogazione urgente Ruotolo-De Petris-Errani : “Subito misure per rendere identificabile il personale delle forze dell’ordine”

Condividi

di Redazione, #politica

“Perché da quando, un anno fa, il garante dei detenuti della Campania denunciò le violenze e i pestaggi perpetrati il 6 aprile 2020 ai danni dei detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere, gli agenti della polizia penitenziaria che parteciparono alla perquisizione e alle violenze sono rimasti a prestare servizio nello stesso istituto carcerario? E perché, ancora oggi, gli agenti sotto indagine, prestano ancora servizio e non sono ancora stati spostati da Santa Maria Capua Vetere? Lo chiedono in una interrogazione i senatori Sandro Ruotolo, Loredana De Petris ed Vasco Errani di Leu-Ecosolidali al Presidente del Consiglio, alla Ministra della Giustizia e alla Ministra degli Interni.

“I video diffusi dai media documentano una perquisizione “straordinaria” e generalizzata che avrebbe riguardato 292 detenuti ristretti nel reparto Nilo nel corso della quale operarono 283 agenti della polizia penitenziaria, dei quali 144 sarebbero stati inviati sul posto dal “Gruppo di supporto agli interventi” istituito alle dipendenze del Provveditore Regionale per la Campania, con il compito di coadiuvare i colleghi nel sedare la protesta dei detenuti peraltro che era rientrata già nella tarda serata del giorno prima attraverso la mediazione di altro personale carcerario. In tale circostanza gli agenti avrebbero pestato per quattro ore i detenuti, arrivando a commettere vere e proprie torture e non fermandosi neppure di fronte alla presenza di un detenuto disabile e obbligato in sedia a rotelle”.

“L’inchiesta ha condotto ad un’ordinanza cautelare in cui quanto accaduto viene definita dal Giudice per le indagini preliminari come “un’orribile mattanza” fra tutti quelli complessivamente coinvolti, al momento risulterebbero essere stati individuati ed indagati solo 117 agenti: dei quali 52 assoggettati a varie misure cautelari”.

“Con la presidente del gruppo Misto e capogruppo di Leu-Ecosolidali al Senato Loredana De Petris e il senatore Errani – conclude il senatore Ruotolo – chiediamo di sapere inoltre se il Presidente del Consiglio e i Ministri, non ritengano opportuno introdurre idonee misure atte a rendere identificabile il personale delle forze dell’ordine coinvolto in una determinata operazione. E in particolare se la Ministra della Giustizia, non ritenga opportuno verificare quali e quanti agenti penitenziari siano stati inviati il giorno il 6 aprile dell’anno scorso presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere; quali siano i compiti attribuiti al “Gruppo di supporto agli interventi” istituito alle dipendenze del Provveditore Regionale; quale fosse la natura dell’incarico ricevuto; se siano da ravvisarsi nel caso specifico, responsabilità degli organi preposti alla tutela e alla sicurezza dei detenuti”.

 

(1 luglio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 




Pubblicità

I PIU' LETTI

Potrebbero interessarti

Masseria Antonio Esposito Ferraioli, senatore Ruotolo: “Chi tocca questo bene confiscato, tocca noi tutti”

di Redazione Napoli Un presidio fisico della Masseria Antonio Esposito Ferraioli, il bene confiscato alla camorra più importante dell'area...

Luigi Di Maio: “Dopo la performance della trasferta in Polonia, forse andare anche a Mosca…. Con Putin ci parla Draghi”

di Daniele Santi E' leggerissimamente ironica il ministro degli Esteri Di Maio dal palco di Manduria, ospite di Bruno Vespa, e...

Catanzaro. Il candidato sindaco Donato: “Non salirei sul palco con Salvini”

di Daniele Santi Già passare dal PD al civismo con una lista sostenuta da Lega e Forza Italia, mentre dall'altra...

Ettore Rosato in Calabria il 28 maggio

di Redazione Politica Il 28 maggio, il Presidente di Italia Viva Ettore Rosato nei comuni della Calabria al voto....
Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: