Pubblicità
15.3 C
Napoli
15.2 C
Palermo
18.4 C
Cagliari
Attiva DAZN
Pubblicità

Roberto Speranza tende la mano a Letta e Conte: “Scrivere insieme una pagina nuova

di G.G., #Politica Con un post sulla sua pagina Facebook (in basso) il ministro della Salute Roberto Speranza, anche segretario di Articolo Uno, si dice pronto al confronto per una nuova agenda progressista per l’Italia rivolgendosi ad Enrico Letta e Giuseppe Conte con un invito a “Scrivere insieme una nuvoa pagina per l’Italia”.   Difesa dei beni pubblici […]
HomeCopertinaPoi ci sono quelli che “per facilitarvi la lettura” decidono “di ridurre...

Poi ci sono quelli che “per facilitarvi la lettura” decidono “di ridurre in pillole un articolo di Marco Biondi dal nostro quotidiano #LaProvocazione

di GAIAITALIAPUNTOCOMEDIZIONI #LaProvocazione twitter@gaiaitaliacom #Twitter

 

Così un articolo nato al solo scopo di informare correttamente, diventa un spot elettorale. Scorretto. E sul nostro lavoro. Ed è stato peculiare che questo sia avvenuto senza rimandare al link, ovvero all’articolo originale. Sotto copyright, sia detto per inciso. Così, di colpo, senza rispetto per il lavoro degli altri, senza pensare quanto tempo abbiamo impiegato per prepararlo, scriverlo, montarlo, abbiamo la versione in pillole.

Siamo onorati di tanta attenzione, ma avremmo preferito essere consultati con un breve messaggio, avremmo ringraziato e pregato di aggiungere un link all’originale, spiegando che Marco Biondi per scrivere quell’articolo si è fatto un mazzo così e se avessimo voluto ridurlo in pillole lo avremmo fatto noi, nello stile del quotidiano, e non per fare campagna elettorale, o presunta tale, ad un partito. Di qualsiasi partito si tratti.

Così nel ringraziare rispettosamente per il pensiero, come quando ti fanno la festa a sorpresa e tu non volevi festeggiare il compleanno, e ci auguriamo che in futuro, nonostante i furori elettorali, ci sia un po’ più di rispetto per il nostro lavoro e che prima di massacrare un articolo noi si abbia almeno la fortuna di essere interpellati. Per due motivi tanto banali che si chiamano rispetto del lavoro altrui e buona educazione. Ora insultateci.

 

(11 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0


0

POLITICA