In mille contestano Salvini a Torre del Greco. Lui grida un po’ poi risale in auto e se ne va

Condividi

di Daniele Santi #Napoli twitter@gaiaitaliacom #Politica

 

Un migliaio di persone armate di fischietto dentro i quali hanno soffiato con forza, hanno zittito Matteo SalviniTorre del Greco tanto che l’ex ministro dell’Interno è risalito sulla sua automobile ed è ritornato indietro. Una selva di fischi e il grido di “razzista” ha accompagnato la sortita di Salvini il cui comizio non è durato che pochi minuti. Cori e fischietti coprono la voce del segretario leghista che si fida dei suoi commercialisti agli arresti, e Salvini risale furiosamente in macchina verso altri comizi.

Se c’erano alcuni ragazzi dei tanto “odiati” centri sociali, il video di Repubblica mostra un nutrito numero di persone per la gran parte comuni, tra loro anche anziani, che zittiscono Salvini con i fischietti e i cori antirazzisti. Altissima la tensione tra gli uomini della scorta.

Chi semina vento raccoglie tempesta, dice il saggio, ma Salvini crea ulteriore tensione e prima di risalire in auto grida: “Se qui ci fossero De Luca o De Magistris o Renzi a quest’ora sareste a passeggio o a fare la spesa” accusando i presenti di essere “gli amichetti del governatore che ha rovinato la Campania”. In apertura aveva mostrato il crocefisso come un santone.

 

(11 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 




Pubblicità

I PIU' LETTI

Potrebbero interessarti

Elezioni, Gaynet: “Destra non rappresenta Paese reale, reagire nella società e nelle piazze

di Paolo M. Minciotti “Astensionismo record ed errori nel fronte progressista hanno spianato la strada a Meloni, ma la...

In Sicilia M5S e De Luca arginerebbero [sic] le destre

di Daniele Santi Sono dati provvisori, ma non sono nemmeno delle sorprese. Schifani delle destre sarebbe in testa, con De Luca...

Al comizio di Meloni a Palermo la Polizia carica: tra chi contesta soprattutto ragazze

di Giovanna Di Rosa Manifestavano a favore della loro libertà di scegliere per la 194, duramente sotto attacco in maniera silente,...

La sindrome da accerchiamento delle destre meloniane e il dito puntato contro Lamorgese

di Giancarlo Grassi Dato che nelle destre senza una proposta sensata tutto fa brodo e tutto chiama voti, nell'ultima settimana di...
Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: