Perché non gli par vero di essere riusciti a posticipare il referendum sul taglio dei parlamentari

Condividi

di Giancarlo Grassi #Politica twitter@gaiaitaliacom #Referendum2020

 

A questa classe politica di impreparati, inconcludenti, incapaci, superficiali ed inutili governanti candidati sulla base di non si sa quale criterio, o meglio si sa ma non si dice, ed eletti grazie a leggi elettorali partorite apposta per magnificare il capo di turno, una classe politica cialtrona che partorisce riforme cialtronesche come quella della diminuzione del numero dei parlamentari per soddisfare la pancia dell’elettorato del M5S ha trovato nel Coronavirus un alleato inaspettato. Che non ha avuto scrupoli ad utilizzare.

E’ infatti con la scusa del Coronavirus che il governicchio giallorosa che mette sette miliardi e mezzo per aiuti a famiglie e imprese e dimentica clamorosamente i Teatri, pubblici e privati e i cinema, devastati dalle chiusure obbligate ed all’interno dei quali lavorano maestranze che devono mettere insieme il pranzo e la cena, ha rimandato a data da destinarsi il referendum sul taglio dei parlamentari voluto dal ministro Di Maio, che lascia senza rappresentanti il 30% del territorio italiano. Perché l’amore per la democrazia è una cosa seria.

Si sono così aggrappati ai divieti e alla sicurezza dei cittadini per rimandare la consultazione che avrebbero sicuramente perso, ma avrebbero anche potuto vincere e quindi essere costretti a lasciare le poltrone alle prossime elezioni. E non vorrete che si lasci un posto che dà tanto guadagno, tanta visibilità e per il quale non è necessaria nessuna preparazione, se non una predisposizione al lecchinaggio del capo… Cosa state dicendo? Questo articolo è qualunquista? Lo è certamente. In perfetta linea con governo, partiti, segretari di partito e misure raffazzonate che guardano, e continuano a guardare anche in tempi di emergenza, soltanto alla convenienza dell’oggi, mentre ad ottobre saranno cazzi perché ci saranno altre clausole di salvaguardia da scongiurare e il paese non cresce, il Coronavirus blocca il paese – ve ne accorgerete – e vengono al pettine i nodi dei tagli alla Sanità pubblica, ma soldi per nuove assunzoni non ce ne sono.

 

(6 marzo 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0

0
0

Pubblicità

I PIU' LETTI

Potrebbero interessarti

Elezioni, Gaynet: “Destra non rappresenta Paese reale, reagire nella società e nelle piazze

di Paolo M. Minciotti “Astensionismo record ed errori nel fronte progressista hanno spianato la strada a Meloni, ma la...

In Sicilia M5S e De Luca arginerebbero [sic] le destre

di Daniele Santi Sono dati provvisori, ma non sono nemmeno delle sorprese. Schifani delle destre sarebbe in testa, con De Luca...

Al comizio di Meloni a Palermo la Polizia carica: tra chi contesta soprattutto ragazze

di Giovanna Di Rosa Manifestavano a favore della loro libertà di scegliere per la 194, duramente sotto attacco in maniera silente,...

La sindrome da accerchiamento delle destre meloniane e il dito puntato contro Lamorgese

di Giancarlo Grassi Dato che nelle destre senza una proposta sensata tutto fa brodo e tutto chiama voti, nell'ultima settimana di...
Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: