Pubblicità
17.3 C
Napoli
15.7 C
Palermo
18.1 C
Cagliari
Attiva DAZN
Pubblicità

Roberto Speranza tende la mano a Letta e Conte: “Scrivere insieme una pagina nuova

di G.G., #Politica Con un post sulla sua pagina Facebook (in basso) il ministro della Salute Roberto Speranza, anche segretario di Articolo Uno, si dice pronto al confronto per una nuova agenda progressista per l’Italia rivolgendosi ad Enrico Letta e Giuseppe Conte con un invito a “Scrivere insieme una nuvoa pagina per l’Italia”.   Difesa dei beni pubblici […]
HomeCopertinaMatteo Salvini – o degli assembramenti estivi – ora dice che “se...

Matteo Salvini – o degli assembramenti estivi – ora dice che “se non c’è sicurezza niente scuola”




di G.G. #Politica

 

Basterebbe a commentare l’intero intervento di Matteo Salvini a Titolo V l’affermazione “Io ho lavorato, da Ministro, con tutta l’Europa e non ho avuto problemi con nessuno”: la realtà è nota e non è esattamente quella raccontata da Salvini. A chiudere ulteriormente la discussione basterebbe un’affermazione successiva che diceva “I ristoranti ora sono chiusi perché c’è il coprifuoco” quando la trasmissione aveva appena messo in onda un servizio dove i ristoranti erano aperti – uno di questi con Sgarbi e compagnia privilegiata seduti al tavolo, mascherina niente. A parte quella di Sgarbi.

Si incazza e arrossisce perché non lo lasciano dire ciò che vuole dire e lo contraddicono, definisce Conte “amico di Trump” (vedi foto a lato) e presidente del Consiglio eletto con la benedizione del tycoon – ergo Conte è trumpiano; dice tutto e il contrario di tutto e riesce ad inserire un capolavoro straordinario quando parla della pandemia e della necessità di sicurezza, vestendo i panni del buon padre di famiglia e dicendo che “se non c’è sicurezza non si può andare a scuola”. Ripete fino alla fine che “le soluzioni ci sono”, ma non ne elenca nemmeno una; non raccoglie fingendo di non sentirle le punzecchiature puntuali di Ferruccio De Bortoli e dice di augurarsi che non ci siano persone in giro per il Senato ad offrire poltrone tirando in ballo il mercato delle vacche di berlusconiana memoria e i due milioni di euro (o erano tre) al senatorio De Gregorio.

De Bortoli gli dice: “Lei era già lì”. Lui non raccoglie.

Rimaniamo basiti: le foto di Salvini in assembramento e senza mascherinaselfie, in gran parte dell’estate scorsa sono ancora vive nella memoria di tutti noi e nella memoria del web, che non perdona.

 

(15 gennaio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

 

 

 

 




POLITICA