Pubblicità
10.8 C
Napoli
8.7 C
Palermo
9.3 C
Cagliari
Attiva DAZN
Pubblicità
HomeMilanoIn Italia oltre 50mila giovani isolati dalla vita sociale

In Italia oltre 50mila giovani isolati dalla vita sociale

di Paolo M. Minciotti

Reclusi in casa, per loro scelta, nella loro stanza, per meglio dire, con un computer come unico contatto con l’esterno. Torna alla ribalta, ogni tanto succede come per certe malattie o certi altri fenomeni sociali che occupano le pagine quando c’è poco da scrivere, ma non è questo il caso, la piaga sociale nota come hikikomoristare in disparte, dall’originale ideogramma giapponese.

In Italia sarebbe oltre 44mila: giovani e giovanissimi completamente estranei alla vita sociale, che non studiano, non lavorano, non si relazionano, se non attraverso un pc o lo schermo di uno smartphone o un tablet. Ne parla Repubblica citando una ricerca di Sabrina Molinaro, ricercatrice dell’istituto di fisiologia clinica del Cnr di Pisa, che ha condotto il primo studio nazionale sull’isolamento volontario degli adolescenti, promosso dal Gruppo Abele.

La ricerca parla di un 18,7% di giovanissimi, tra dodicimila intervistati via questionario, che hanno passato un periodo significativo senza uscire di casa; tra loro un 8,2% confessa di non essere uscito per un periodo che va da 1 a 6 mesi (escludendo i periodi di lokdown). Esistono poi situazioni assai più gravi che riguardano giovani che non escono da più di sei mesi e quelli a rischio, persone che non sono uscite per un periodo da 3 a 6 mesi. Basandosi sui suoi calcoli la ricercatrice conclude che circa l’1,7% degli studenti totali (44.000 ragazzi a livello nazionale) si possano definire Hikikomori, mentre il 2,6% (67.000 giovani) sarebbero a “grave rischio di diventarlo”.

 

 

(3 marzo 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 



POLITICA