Di commenti razzisti travestiti da buonisti. O di quelli che commentano senza sapere cosa scrivono #LaProvocazione

Kande, 20enne senegalese aggredito da razzisti a Palermo qualche settimana fa

di G.G. #LaProvocazione twitter@gaiaitaliacom #Razzismi

 

Ieri abbiamo pubblicato l’articolo “Torna in Africa qui ci sporchi”. Così due donne ne aggrediscono un’altra in una macelleria del centro di Campi Bisenzio, dove ancora una volta si denuncia il becerume ignorante di certo razzismo da incultura, articolo che abbiamo distribuito in alcuni gruppi social dichiaratemnte contro il razzismo.

Spiccava, tra commenti molto garbati ed intelligenti, quello di una donna travestita da buonista accogliente che insinuava che l’articolo fosse un “acchiappa click” – per fortuna non ne abbiamo bisogno, e la dignità è ancora qualcosa con cui facciamo i conti – per una serie di informazioni che dal post pubblicato su Facebook non si evincevano (ma che erano contenute nell’articolo), tra le quali il fatto che la fotografia (la stessa pubblicata anche dal quotidiano La Nazione) ritraesse la donna davanti a Santa Maria Maggiore a Roma non essendo evidentemente a conoscenza, il premio Nobel del commento, che gli esseri umani per loro natura deambulano, viaggiano, visitano città, insomma cercano di conoscere il mondo attorno a loro non limitandosi a postare idiozie in risposta ad avvenimenti che dovrebbero far riflettere su quanto questo paese stia cedendo all’abbruttimento e all’incultura.

Ma tant’è. Se non si cambia il proprio cuore i commenti arguti servono a poco. nemmeno a nascondere quanto si è finti.

 

(30 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 



Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: