Pubblicità
15.3 C
Napoli
15.2 C
Palermo
18.4 C
Cagliari
Attiva DAZN
Pubblicità
HomeCopertina SudCapolarato a Foggia: Meloni e Salvini all'assalto di Lamorgese

Capolarato a Foggia: Meloni e Salvini all’assalto di Lamorgese

di Giancarlo Grassi, #politica

Per non perdere l’abitudine, direttamente da Atrejus, mai nome fu più brutalizzato nel suo significato originaleMeloniSalvini reagiscono all’orribile notizia dei casi di caporalato a Foggia, questione che non dovrebbe proprio essere sconosciuta alla politica, puntando il dito contro la ministra Lamorgese. Perché?

Perché la moglie di un dirigente del Viminale, che si è immediatamente dimesso, è socia di una delle ditte coinvolte nell’inchiesta. Cosa fanno i sovranisti urlatori? Chiedono spiegazioni a Lamorgese, attuale inquilino del Viminale luogo che fa gola tanto a Meloni, quanto a Salvini che con quel posto lì c’ha un conto aperto.

Sono 16 le persone coinvolte nell’inchiesta della procura di Foggia e dei carabinieri contro il caporalato che ha portato in carcere due persone, tre ai domiciliari e undici hanno avuto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria con l’accusa per tutti di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

L’operazione ha portato anche alla moglie del prefetto Michele Di Bari, 62 anni dal 2019 capo del Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del Viminale (chi era ministro dell’Interno nel 2019?) che si è immediatamente dimesso mentre la moglie si trova ai domiciliari.

Cosa hanno fatto quindi FdI e la Lega? Hanno chiesto alla ministra Lamorgese, che nel 2019 al Viminale non c’era, c’era Salvini almeno fino al 5 settembre, data in cui è stato pregato di togliersi da lì, dopo un’operazione suicida diretta dal Papeete, da dove chiedeva pieni poteri e perse la poltrona.

I “caporali” erano alcuni cittadini gambiani, scrive il Corriere , che costringevano i braccianti, spesso africani come loro, a versare loro una tangente di 5 euro al giorno ciascuno.

 

(10 dicembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



POLITICA