L’europarlamentare M5S Dino Giarrusso si candida alla presidenza della Sicilia. Il Movimento non esplode di gioia, diciamo…

Condividi

di Redazione Politica

Il M5S non ha concordato la candidatura con Giarrusso, è la prima reazione dei pentastellati, ma Giarrusso lo aveva già annunciato: “Mi metto a disposizione nella speranza che ci possano essere delle primarie di coalizione”. Si chiama autocandidatura, ma si può chiamarla in tanti modi. E la si fa sempre per qualche altro motivo, mica per sé.

Le elezioni regionali dell’autunno del 2022 hanno dunque già un primo protagonista: ex Iena, europarlamentare pentastellato, autore di alcuni memorabili sfondoni, ma a chi non succede, e di indimenticabili duelli con Carlo Calenda e con il Prof. Burioni (vedi foto in alto) di lui non ricordiamo proposte politiche di particolare rilevanza. Non vuol dire che non ci siano, può voler dire piuttosto che abbiamo cattiva memoria, o che abbiamo malanimo. O, semplicemente, che come umili cronisti politici riteniamo che l’annuncio sia troppo in anticipo: perché l’autunno del 2022 in politica è un’altra era e per battere le destre che governano la Sicilia serva più di un Giarrusso. E non è detto che se ne cerchino due.

Il M5S commenta la candidatura non senza un certa dose di veleno, che sembra essere l’unica cosa che i partiti dell’era contemporanea sembrino ritenere necessaria: “In merito alle dichiarazioni dell’europarlamentare Dino Giarrusso che si è dichiarato disponibile a candidarsi alla presidenza della Regione Siciliana” scrivono “si chiarisce che si tratta di un’iniziativa assolutamente personale non concordata con i vertici del Movimento. Non sono ancora decise le modalità delle candidature e qualsiasi anticipazione in questo senso risulta fuori luogo“.

(3 gennaio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

I PIU' LETTI

Potrebbero interessarti

Masseria Antonio Esposito Ferraioli, senatore Ruotolo: “Chi tocca questo bene confiscato, tocca noi tutti”

di Redazione Napoli Un presidio fisico della Masseria Antonio Esposito Ferraioli, il bene confiscato alla camorra più importante dell'area...

Luigi Di Maio: “Dopo la performance della trasferta in Polonia, forse andare anche a Mosca…. Con Putin ci parla Draghi”

di Daniele Santi E' leggerissimamente ironica il ministro degli Esteri Di Maio dal palco di Manduria, ospite di Bruno Vespa, e...

Catanzaro. Il candidato sindaco Donato: “Non salirei sul palco con Salvini”

di Daniele Santi Già passare dal PD al civismo con una lista sostenuta da Lega e Forza Italia, mentre dall'altra...

Ettore Rosato in Calabria il 28 maggio

di Redazione Politica Il 28 maggio, il Presidente di Italia Viva Ettore Rosato nei comuni della Calabria al voto....
Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: