9.2 C
Napoli
lunedì, Gennaio 24, 2022
Pubblicità
HomeCopertinaRicordate "i quattro cani mangiati dai migranti" a Lampedusa? Erano tutte balle

Ricordate “i quattro cani mangiati dai migranti” a Lampedusa? Erano tutte balle

di G.G. #Lopinione twitter@gaiaitaliacom #Lampedusa

 

I migranti le avevano mangiato “quattro cani”, “numerose galline”, aveva riferito… Insomma era uno dei tanti favolosi e soprattutto veritieri [sic] reportage che gli italioti quotidiani di regime, il regime che vorrebbero, pubblicano sovente per aizzare i cani contro questa o quella minoranza, e che anche in questo caso avevano fatto la loro figuraccia sottolineando come i presunti divoratori di cani avessero lasciato stare i maiali perché per il libro sacro dell’Islam il maiale è carne impura, senza sapere – poveri disinformati ed infantili provocatori – che per quello stesso libro sacro è “carne impura” anche quella dei cani.

Disquisizioni a parte ciò che importa è che non era vero niente. Ciò che voleva la signora erano “soldi”, e probabilmente anche puntare il dito per nascondere ciò che poi è venuto alla luce. Lo afferma, ed è Next Quotidiano a riportare la notizia, il Sindaco di Lampedusa Totò Martello: “ Il sopralluogo ha accertato che sul suo terreno le costruzioni erano abusive”.

Poi il quotidiano cita altre affermazioni del Sindaco dell’isola.

Nel sopralluogo del veterinario e dei vigili urbani sono stati trovati due cani con il microchip e un residuo di ossa mandibolari canine risalenti a sei-sette anni fa. La signora non è stata in grado di esibire la documentazione del cane e non è stato possibile identificarlo. Aveva un codice di allevamento per suini, e infatti sono state trovate anche tre scrofe (…) Risulta tutto non veritiero. La signora vuole risarcimenti, vuole ripagate le galline che le hanno rubato, i cani che le hanno mangiato, vuole soldi. Era lei a non essere in regola…

Secondo il Sindaco gli inviati di Libero che poi pubblicarono la notizia “Avevano un solo obbiettivo: testimoniare che Lampedusa è un bordello, che c’è promiscuità tra cittadini e migranti, e non c’è lo Stato” così “Li ho denunciati ai carabinieri e all’Ordine dei Giornalisti”.

Alla fine qualcuno comincia a ribellarsi alle notizie create ad arte per seminare divisione sociale ed odio. Questa non è l’Italia che vogliamo e chi ci è cascato non ci casca più.

 

(18 agosto 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 



4,805FansMi piace
2,397FollowerSegui
130IscrittiIscriviti
Pubblicità

I PIù LETTI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: