Gioia Tauro, sfruttavano e costringevano alla prostituzione migranti

di Daniele Santi #Migranti twitter@gaiaitaliacom #Sud

 

Attraverso l’antica pratica del caporalato, contro la quale Salvini non dice una virgola, costringevano alla prostituzione e sfruttavano migranti domiciliati nella baraccopoli di San Ferdinando nel Comune di Rosarno. Ne dà notizia il quotidiano Il Riformista.

Dalle denunce è scaturita l’operazione dei carabinieri di Reggio Calabria, coordinata dalla procura di Palmi, che ha nella mattinata dell’8 gennaio 2020, all’esecuzione di un’ordinanza cautelare a carico di numerose persone ritenute responsabili, a vario titolo, di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

I caporali arrestati sono tutti originari del centrafrica.

 

(8 gennaio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: