Pubblicità
14.5 C
Napoli
14.2 C
Palermo
14.8 C
Cagliari
Attiva DAZN
Pubblicità

Roberto Speranza tende la mano a Letta e Conte: “Scrivere insieme una pagina nuova

di G.G., #Politica Con un post sulla sua pagina Facebook (in basso) il ministro della Salute Roberto Speranza, anche segretario di Articolo Uno, si dice pronto al confronto per una nuova agenda progressista per l’Italia rivolgendosi ad Enrico Letta e Giuseppe Conte con un invito a “Scrivere insieme una nuvoa pagina per l’Italia”.   Difesa dei beni pubblici […]
HomeCopertinaE prima del “No” o dell’astensione Meloni attenderà di conoscere quante Commissioni...

E prima del “No” o dell’astensione Meloni attenderà di conoscere quante Commissioni avrà (nel 2023)?




di Giovanna Di Rosa, #LaProvocazione

Certo che sì. Potrebbe aspettare. Se non fosse che le Commissioni – alcune andranno alle opposizioni –  verranno assegnate dopo il voto. Cioè nel 2023. Certo nulla impedisce di contrattarle prima. Ma Meloni lei no. Lei è donna tutta d’un pezzo e di granitica coerenza. Granitica almeno come l’unità della granitica estrema destra cui appartiene che riesce contemporaneamente a stare al governo e all’opposizione, per puro opportunismo, pensando che nessuno se ne accorga e rischiando l’osso del collo. Politicamente parlando. E’ evidentemente una provocazione. E basta.

Quando si è mai visto un politico che resta a bocca asciutta per opposizione patriottica e ci si dovrebbe pure credere, perché è bravo a gridarlo? Non ci casca nessuno. Se Forza Italia ha avuto tre ministeri, la Lega uno – ma pesante – e Meloni sta a gridare “No” perché è patriottica e coerente oltre che votata all’opposizione patriottica, si tolga dai gruppi conservatori, sovranisti e anti-italiani di Bruxelles e prenda le sue responsabilità all’interno di un governo che non piace a nessuno, dove Draghi più che primo ministro è Comandante in capo, e che sarà fin troppo facile criticare dalla sua posizione privilegiata di oppositrice (quasi) unica. Provocazione sulle Commissioni a parte, è l’opportunismo politico che disturba. Fine a sé stesso.

Del resto la si è già vista al governo con Berlusconi fino al triste 2011, anche se lei nega, e non ha proprio fatto sfracelli. L’opposizione gridata le viene molto meglio. Finché dura.

 

(13 febbraio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 




POLITICA