Pubblicità
21.7 C
Napoli
21.4 C
Palermo
23.1 C
Cagliari
Attiva DAZN
Pubblicità
HomeLa ProvocazioneCaccia “globale” agli scafisti per non vedere quelli che si hanno sotto...

Caccia “globale” agli scafisti per non vedere quelli che si hanno sotto gli occhi

di Daniele Santi

E venne il giorno in cui l’armata brancameloni tuonò dall’alto dell’onnipotenza: “Andremo a cercare gli scafisti in tutto il mondo“; vorremmo ricordare sommessamente alla presidente del Consiglio, in qualità di fedeli consiglieri, che non c’è nessun bisogno di andare in tutto il mondo perché gli scafisti stanno in luoghi noti: in quei luoghi, picchiano, uccidono, violentano, ricattano le famiglie d’origine, sparano, si fanno pagare, imbarcano uomini su carrette del mare che arrivano in paesi dove i governi devono fare le passerelle per fingere di avere trovtao soluzioni.

Soluzioni all’incompetenza non ce ne sono. A parte il cambiare mestiere, ma questo vale nella società degli uomini non nel gotha degli eletti che una volta entrati nel poltronificio non ne escono più.

Così Meloni – che ha contratto l’annuncite salviniana, disturbo del comportamento con effetti sgradevoli sul linguaggio, sgradevoli per chi ascolta – ritira fuori la solita manfrina: “Non si poteva fare di più”, sottotitolo sennò Salvini si incazza e mi molla al mio destino e col 30% di voti nei sondaggi, dopo avere promesso tutto e fatto niente col cxxxo che torno al Governo. “Non si poteva fare di più” è la frase con cui la premier e la sua crociata dell’incapacità giustificano il promettere tutto e il non riuscire a fare niente. Perché manca il coraggio. due sarebbero le cose da fare: riformare Dublino, ma si scontenta Orbán (altro che “Dall’Europa aspettiamo una riposta”) cancellare la Bossi-Fini (o Fini-Bossi, come dicono quelli che contano) e ci si incazza la Lega; tutto questo nel più totale silenzio di Berlusconi e di Forza Italia che lascia a scannarsi i figliocci di colui che ha sdoganato tutti i neofascismi possibili, più o meno travestiti.

Così dopo avere promesso miracoli e avere tolto di che vivere alle fasce più deboli, dopo i video sulle accise per poi fare il contrario, dopo il faremo tutto e non riuscirci, dopo i famosi “la coperta è corta”, dopo avere promesso mezzo mondo, rendono noto con le azioni che vogliono stare nel mondo di mezzo, che è quel mondo dove non sei né carne né pesce e puoi dire tutto facendo il contrario di tutto. Un mondo di privilegiati che guadagnano in un mese tre volte i 500 € annuali che guadagna un disoccupato che preferisce stare sul divano (che vergona frasi come queste!!!) tanto si può sempre dire che è colpa delle sinistre di oggi e poi anche delle sinistre di ieri, mentre adolescenti senza cervello sedicenti giovani di FdI scorrazzano come cinghiali a menare a calci e pugni senza che il governo dica nulla di sensato. Poi interviene Valditara.

 

 

(10 marzo 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



POLITICA