La Comicità delle Ordinanze anti-botti che se ne fregano tutti

Altro da leggere

CONDIVIDI

di G.G. #2020 twitter@gaiaitaliacom #Ordinanze

 

C’erano in giro botti grossi come razzi interplanetari, sulle bancarelle si trovava di tutto. Così in cielo e così in terra. E’ successo un po’ dappertutto, in tutta Italia, dove i Sindaci delle Ordinanze Furbe, hanno deciso di farsi belli in occasione della Festa di Fine Anno firmando ordinanze contro tutto, con tanto di sanzioni anche altissime – che però puoi pagare subito con pochi euri, ché ti fan lo sconto – e che nessuno naturalmente ha rispettato. Perché questo è il paese del chissenefrega e del facciamo tutti quel cazzo che ci pare di guzzantiana memoria. Anzi se c’è un’ordinanza ecco pronto l’inghippo per trasgredirla e farsene pippe. Con Tanti Auguri di Buon Anno naturalmente e che tu viva una lunga, prospera e felice vita… Se poi schiatti domani chi se ne frega.

Ecco dunque spiegata, in tutta Italia, la pioggia di fuochi, bombe, bombette, bombe carta, fuochi d’artificio, botti, girandole, draghi, draghetti e viva Gandalf, mancavano i lanciarazzi, ma non siamo mica in guerra, che ha devastato le orecchie di umani e animali, come se non fossimo tutti sudditi di quel regno, con pace dei Sindaci che le ordinanze le avevano firmate – e se non c’è personale per farle rispettare non è mica colpa nostra, noi il nostro dovere l’abbiamo fatto – e pace pure degli signori Animalisti che iniziano l’Anno 2020 con un motivo in più per incazzarsi. Ché in un paese dove tutti si incazzano per le colpe altrui e non guardano mai a casa loro, è una vera manna dal cielo.

 

 

(2 gennaio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 




Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: